Iscrizione anagrafica (cambio di residenza)

 

Descrizione

La dichiarazione del trasferimento di residenza può essere resa dall’interessato o da un qualsiasi componente maggiorenne della famiglia, se il trasferimento riguarda tutta la famiglia. Quando la variazione interessa più famiglie (es. una persona che entra in un nucleo familiare già residente) è necessaria la presenza di un componente di tutte le famiglie interessate. Le dichiarazioni relative ai minori devono essere rese da chi ne esercita la potestà o tutela.

Requisiti

  • Abitare effettivamente all’indirizzo dichiarato nel Comune di Granarolo dell’Emilia.

Documenti da presentare 

  • Dichiarazione di residenza (modulo)
  • Documento di identità valido di tutti i componenti del nucleo familiare
  • Codice fiscale di tutti i componenti del nucleo familiare
  • Dati delle patenti di guida italiane e dei veicoli intestati (libretti di circolazione) di tutti i membri della famiglia che si trasferisce: questi dati sono necessari per consentire la trasmissione per via telematica alla Centrale Operativa della Motorizzazione Civile che provvederà ad effettuare il cambio di residenza su patenti e libretti di circolazione e ad inviare al cittadino i tagliandi da applicare sui documenti stessi
  • Titolo di occupazione dell’alloggio (copia rogito, contratto di locazione, ecc.) in base all’art. 5 della Legge n.80/2015
  • Documenti che devono presentare i cittadini stranieri non UE (vedi Allegato A – Dichiarazione di residenza)
  • Documenti che devono presentare i cittadini comunitari UE (vedi Allegato B – Dichiarazione di residenza)

 

A chi rivolgersi
Ufficio Servizi Demografici del Comune di Santo Stefano Quisquina
Via Roma, 142 – 92020 – Santo Stefano Quisquina (AG)
Orario apertura: dal lunedì al venerdì 8.00-14.00; lunedì e mercoledì 15.30-18.30;
Telefono: 0922/982510
PEC: protocollo@pec.comune.santostefanoquisquina.ag.it

Se si sceglie di inviare la dichiarazione utilizzando uno dei seguenti canali alternativi, occorre utilizzare il modulo “Dichiarazione di residenza” che deve contenere tutti i dati obbligatori e deve essere accompagnato dalle copie dei documenti di identità del richiedente e di tutti coloro che trasferiscono la residenza, i quali, se maggiorenni, devono sottoscriverlo.

  • via raccomandata all’indirizzo: Comune di Santo Stefano Quisquina – Via Roma, 142 – 92020 – Santo Stefano Quisquina (AG)
  • via fax al numero 0922/989341
  • via e-mail all’indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) del comune: protocollo@pec.comune.santostefanoquisquina.ag.it

Tempi di risposta
L’ufficiale d’anagrafe che riceve la dichiarazione provvede all’iscrizione anagrafica entro i 2 giorni lavorativi successivi e fornisce al cittadino la comunicazione di avvio del procedimento di accertamento dei requisiti; la Polizia Municipale eseguirà gli accertamenti presso la nuova abitazione per verificare la sussistenza dei requisiti previsti per l’iscrizione. In caso di dichiarazioni non corrispondenti al vero si applicano gli articoli 75 e 76 del D.P.R. n. 445/2000, che prevedono la decadenza dai benefici acquisiti per effetto della dichiarazione, nonché il rilievo penale della dichiarazione mendace tramite segnalazione alle autorità di pubblica sicurezza delle discordanze tra le dichiarazioni rese dagli interessati e gli esiti degli accertamenti esperiti.
Inoltre, in caso di esito negativo degli accertamenti, ovvero di verificata assenza dei requisiti, sarà ripristinata la posizione anagrafica precedente. L’iscrizione si intende confermata se, trascorsi 45 giorni dalla dichiarazione, il Comune non effettua alcuna comunicazione negativa al cittadino (silenzio-assenso, art. 20 legge 241/1990).

Elementi necessari ai fini dei controlli della Polizia Municipale sono:

  • Numero civico visibile all’esterno dell’abitazione;
  • Nome e cognome dell’intestatario sul campanello e sulla buchetta delle lettere.

Altri adempimenti ai quali il cittadino dovrà provvedere al momento della richiesta di residenza sono:

  • Denuncia di cessione fabbricato, da compilarsi su apposito modulo a cura di chi cede l’uso del fabbricato (es. il padrone di casa se il nuovo residente è in affitto)
  • Denuncia per la TARI, tassa di smaltimento dei rifiuti da effettuarsi presso l’Ufficio Tributi
  • Regolarizzazione ai fini dell’IMU